LA NOSTRA PARLATA


Vai ai contenuti

lettera B

Il glossario

B b

bansa
ba
stru

ba
ttu
batt

bab
accu
baba
ottu
babel
un
bab
ia

bab
ollu
bac


bac
an
b
accu
bacin

bac
ine
bacuc
adda
b
adda
bag
ina
bag
ascca
bag
ra
bag
ettu
b
aggu
baga
ia

bag
(D. Castello)

b
gu
bagn



b
agnna

b
agnnu
b
ia
bai
arda
baix
in
baixin
, baxin
bal
an
bal
asse
bala

bal
ngu

bal
ettu
bal
ota
bal
un

bal
una
banb
occa
b
nca
banc

banca

banc
assa
banch
etta

b
ncu



band
etta
band
ia
band
iu
band

bandu
etta
Barab
in


barach
in
barac
occu
brba
b
rba, barban
barbac
iu

barb

barbex
in, barbixin
barb
ixi
barb
uttu, burbuttu
barbutt
, burbutt
b
rca
barc

barcavel
ottu
b
rcu
barc
un
b
rdu


bareg

b
aregu
barg
illi
bar


bar
icule
baril
un
basac
lla

bas
in
b
assa-bassetta
b
assu
bast

bastim
ntu
b
astu
bast
un
bastun

baan
ottu

bael

b
aa
batai

bat
eximu
bate


batu
ella


bat
uu
bat
mme

baus
iga, bansiga
b
ausu
ba
llu
bas

bava
in, bavai
bav
ette
bav
uu

bax

baxad
onne
baxaic
o
b
xu
b!
b
ea
be

be
agnna
bec


becaf
ighe
becal
mme
becam
ortu
bec
assa
b
ccu

b
eccu

bech
ellu
beche

bech
eu
bec

bec
adda
bed
gu, bedcu
b
ega

beg
u

begh
in
bel
essa
bel
iga
bel
in




bel
ina

belin
ata
belin
un

bel
iscimu!, o beliscimu!
bllad
onna
b
llu





bn
ben
ardu
benex

brc
icula

brc
olla
ber
etta
ber
un


brn
acca
ber
odu
brs
(Valli Dianesi)
b
ru
besch
issu
besc
ttu
best
assu, bastassu
Best
nte

best
in
beeg
ullu
be
gnnu
be
gu
b
eta
b
eu
beul

be
ulla
b
eve
b
ia
b
va
bib
in
b
ella

b
ettu
b
igu
b
inda
bin
ellu
b
irbu
bir
occu, baroccu
b
iscca
b
isca-scrosa
b
iscua

biscu
etta, bscuetta
bit
ega, btega
bit
iru, btiru
b
ixa
bl
mme
bl
b
occa
bon




b
ona



bonad
onna
bon
agnima

bonam
an
bord
a, burda
b
ossulu
b
otta
b
ottu

b, bo
btt


b
ttu
bragheb
lle
bragai
an
br
ghe



brag
u

branc
, brinc
branc

brass


br
assu
br
vu
br
atta

br
xa
br
ega
breg

breg
u
br
ennu

br
etu




brich
ettu
br
iccu
bricu
in, briguin
brigins
otte
br
ignna
brigu
ellu
br
illa
briv

briv
un
br
oddu
bruch
etta
bruf
iga
brum
stega
brum
eu
brund
ia
brund

bruntu
, brundu
brusch
etta
brustul
in
br
ussu

br
uttu
br
gu
br
scu
brt

br
ttu


br
sta
br
xa
brx


brxa
a
brx

bu
atta
buc


b
ucca
bucc

bucc
in
bucc
un

buc
in
buc
un
bucun

bucun

bu
etta

bu
ettu
buff
etta
buff
un
b
uga
bug

bu
issu
bui
acca
b
uje

bui

b
uju
bui
un
bul



bul
accu
bul
se
bulent
in
bule
mme
bul
iccu
bulic
uje
b
ullu
bun
assa
bunb
xa
bunb
xu
b
unda
bun
ettu
bur
xa
burd
attu

burd
ellu

burdel
uu
burde

burdig

b
urdu
burg

bur
na
bur
idda
b
urlu
busc


bus
ellu
bustic


b
uu
but
alega
bute

but
ia
butt

b
utte
b
uttu
buxarda
ia
bux
ia
b
degu
bg

bgat
ina

bg
atta


b
sca

bsc
aja
b
sccu
b
scua
b
scu

barnsa (Chiappa) f. bilancia: cfr. bausiga.
barstru (Chiappa) m. grosso tino in legno di forma troncoconica e fornito di ruote, usato nei gunbi per trasportare la pasta delle olive appena molite dalla pila al torchio.
barttu (Chiappa) m. scambio, baratto.
bartt (Chiappa) tr. barattare.
m. pupazzo, fantoccio, mostricciattolo; termine usato anche in senso figurato riferito a persona.
babarottu (Chiappa) m. scarafaggio.
avv. carponi.
f. boria, gran ciarlare: u n' fitu da babia, ma u nu l' cunbinu ninte, ha fatto un gran ciarlare, ma poi non ha combinato niente.
m. nome generico dato ad alcuni tipi di coleotteri neri o nerastri.
f. 1. bastonata: a l' incii de bacae, li ho riempiti di bastonate; 2. duro colpo in senso traslato: a morte de so fiju pe vellu a l' stita ina bac, la morte di suo figlio per lui stata un duro colpo.
m. 1. vecchio di casa, capofamiglia; 2. padrone, principale.
m. bastone; fig. vin fitu cu baccu, vino di qualit scadente.
tr. vaccinare.
f. pl. 1. vaccinazioni; 2. cicatrici che rimangono sulle braccia in seguito alle vaccinazioni.
f. pisolino, colpo di sonno improvviso.
solo nella
loc. avv. de badda, gratis o a prezzo molto conveniente.
f. donna di malaffare; sinonimo di bagascca ma meno dispregiativo e spesso usato con tono scherzoso.
f. prostituta; cfr. belladonna e bagina.
f. 1. trottola di forma molto larga; 2. donna piccola e molto grassa.
m. girino.
m. rospo.
bagaria (Chiappa) f. voglia di sbadigliare, apatia: u m' pu ina bagaia!, mi ha preso una voglia di sbadigliare!; cfr. bgu e matrisa.
m. 1. lumaca; cfr. bucin, g, mungetta; 2. malattia delle capre che si manifesta con delle escrescenze in bocca che impediscono loro di mangiare.
m. sbadiglio.
tr. 1. bagnare; 2. innaffiare; 3. immergere in un liquido; 4. immergere in metallo liquefatto: bagnu in te l'u, rivestito da uno stato sottilissimo di oro perch immerso nell'oro liquefatto; 5. rifl. bagnse, bagnarsi; bagnse u bccu, bere; 6. fig. bagn u bescttu, coire.
f. intingolo, sugo; particolarmente appetita dai nostri vecchi a bagnna du cundun, il sugo formato dai pomodori in insalata; fig. esse in ta bagnna fina ai ggi, trovarsi in grande difficolta.
m. bagno; p in bagnnu, bagnarsi, fare il bagno in mare, fig. prendere una fregatura.
f. mastello.
f. carriola a fondo piatto.
m. pioggerella; sin. lunbrixinadda.
intr. piovviginare; u baixina, sta piovviginando.
m. arc. palloncino o qualsiasi cosa di forma sferica (anche un frutto); termine usato con i bambini.
m. scioccherello; rimane invariato al f. ed al pl.
m ballatoio.
1.
agg. di salute cagionevole: a sun balngu, mi sento mezzo malato; 2. m. tipo inaffidabile, che agisce in maniera poco ortodossa.
m. ballotta, castagna lessata con la buccia.
f. pallottola, proiettile del fucile o della pistola.
m. pallone, palla da gioco; pl. balunetti, luminarie e lampioncini cinesi organizzate in occasione di ricorrenze religiose e feste patronali.
f. ciascuna gamba dei calzoni.
f. bambola; cfr. bugatta.
f. panca: e bnche da gexa, le panche della chiesa; dim. banchina, 1. panchina; 2. banchina del porto.
m. cassone.
bancar (Chiappa) m. falegname.
f. base del torchio, un tempo ricavata da un grosso pezzo di legno.
m. 1. sgabello; 2. elemento del torchio, pi precisamente il pesante legno che poggia sopra la torre dei fiscoli e vi ripartisce la pressione esercitata dalla grossa vite in legno.
m. 1. banco, in uso generale come in italiano: banco da lavoro, banco di scuola, banco del mercato; 2. bancun, bancone della bottega; 3. banchettu, bancaella, bancarella da mercato o da fiera; 4. bncu de pria, banco di roccia; 5. bncu de pesca, fondale pescoso, adatto per calare le reti; 6. bncu de cuallu, bncu de rghina, banco di corallo, banco d'alghe.
f. sponda del carro.
f. lotto di terreni adibiti a pascolo.
m. bandito.
m. ciuffo di capelli ricadente su un lato della fronte.
banduretta (Chiappa) f. ventaglio; u ga cumme ina banduetta, una persona mutevole, poco affidabile.
figura immaginaria della tradizione popolare, alla quale si attribuiva il potere di provocare i tuoni; quando tuonava gli adulti dicevano ai bambini: "
U l' u Barabin c'u rubatta a mui drentu ina butte", Barabin che fa rotolare la moglie dentro una botte.
m. piccolo contenitore metallico, barattolo, gavetta.
m. albicocco; a Tovo Faraldi per si dice babacoccu o babacottu.
f. 1. barba; 2. persona o cosa (discorso, romanzo, film, ecc.) noiosa; 3. avene ina brba, essere stufo.
m. zio, sia paterno che materno; termine usato solo al m.; cfr. lalla.
m. 1. cinguetto, in particolare del fringuello; 2. fig. canto del cigno: u l' tu u barbaciu, ormai prossimo alla fine.
m. barbiere.
m. orzaiolo; cfr. parpexin.
m. pl. baffi.
on. agg. balbuziente.
on. intr. 1. balbettare, tartagliare; 2. borbottare.
f. barca, termine generico per indicare una piccola imbarcazione; accr. barcun m. grossa barca.
f. gran quantit: u ghe n' ina barc, ce n' una gran quantit.
m. abitante di Varcavello (Barcavellu).
m. vascello, bastimento.
m. 1. finestra; 2. grossa barca.
agg. grigio, grigiastro, grigio striato, grigio scuro (detto per lo pi del manto dei gatti e di altri animali); il termine usato anche col significato di colore scuro non ben definito; de ntte i gatti i sun ttti brdi, di notte i gatti si assomigliano tutti.
m. cortiletto chiuso tra le mura di due case.
m. piccolo edificio rurale costruito con pietre a secco.
m. pl. pendenti dei tacchini e dei galli.
m. 1. piccola botte in doghe di legno per il trasporto a soma; 2. barilotto per il trasporto degli escrementi umani da usarsi come concime; 3. antica misura di capacit per olio e vino corrispondente a circa 42 litri.
f. pl. occhiali, in particolare gli occhialini senza stanghette, da appoggiare semplicemente sul naso.
m. mastello per bucato.
f. bascula, bilancia a stadera con un piatto, in grado di pesare con l'approssimazione di un ettogrammo; cfr. cant.
m. secchio.
f. lucciola; cfr. siblla.
1.
agg. basso; 2. loc. avv. da bassu, in basso, gi, china da bassu, vieni gi.
m. bastaio.
m. bastimento; termine entrato nell'uso corrente in sostituzione del pi antico brcu.
m. basto.
m. bastone.
tr. bastonare, anche in senso figurato.
agg. ne acerbo ne maturo, ne crudo ne cotto, quasi turgido; termine usato riferito alla frutta, alla verdura e al membro maschile.
intr. tremare (per il freddo e per la febbre).
baura (Chiappa) f. strega.
batagli (Chiappa) intr. suonare le campane a festa senza farle dondolare, ma agendo solo sui battacchi.
m. battesimo.
tr. 1. battezzare; 2. fig. dire a qualcuno il fatto suo: u te l' bateu cumme u se deve, gli ha detto il fatto suo.
baturella (Chiappa), batuea (Diano) f. rudimentale strumento con un'asse di legno e delle maniglie di ferro usate nella Settimana Santa per fare frastuono in sostituzione delle campane; fig. a l' ina lenga ca p ina batuella, una gran pettegola.
agg. ciancione, vanitoso.
m. 1. impasto a base di cemento usato per la pavimentazione; 2. pavimentazione realizzata con impasto di cemento o catramoso; 3. impasto catramoso per coperture piana.
f. altalena.
m. balza, salto; termine usato soprattutto nella toponomastica.
m. 1. baule; 2. persona poco espansiva o addormentata.
tr. sbaciucchiare, sbavuzzare.
m. bavaglino.
f. pl. pasta lunga, secca o fresca.
agg. 1. bavoso; 2. viscido e molesto; 3. appellativo attribuito agli abitanti di Oneglia dai Dianesi; 4. bavua f. bavosa (pesce).
tr. baciare
m. papavero; cfr. macosa.
m. basilico.
m. bacio; baxin a pessighettu, bacio accompagnato da pizzicotti sulle guancie, dato soprattutto ai bambini.
modo per richiamare l'attenzione di qualcuno:
b! alantua?, b! allora?
f. bealera, canale; anche beu m.
intr. belare; fig. piagnucolare.
m. bambino piagnucoloso; sin. beulla.
tr. 1. beccare; 2. sorprendere, cogliere sul fatto: i l'an becu ch'u rubava, lo hanno sorpreso mentre rubava; 3. rifl. becse, litigare, bisticciare: i se sun becai tra fri, hanno bisticciato tra fratelli.
m. beccafico (uccello).
m. spegnitoio per candele; cfr. mucalmme.
m. necroforo, becchino.
f. beccaccia; becasin m. beccaccino.
m. 1. becco; 2. rebbio: i bcchi du magaju, i rebbi della zappa; 3. bocca: sra u bccu!, chiudi la bocca, taci.
1.
m. caprone, maschio della capra; 2. fig. cornuto; i ommi i sun cumme i cravetti, s'i nu mje ueni i divnta becchi, gli uomini sono come i capretti, se non muoiono giovani diventano becchi.
m. beccatello.
intr. beccheggiare, ondeggiare delle navi, barche, ecc., in mare a causa delle onde.
m. 1. beccheggio; 2. di polli e volatili che mangiano.
tr. 1. coire; 2. sconfiggere, battere, dare una fregatura: a l' becai, li ho battuti, li ho fregati.
f. 1. coito; 2. fregatura: a l' pu ina blla becadda, ho preso proprio una grossa fregatura.
agg. stupidotto, semplicione.
f. 1. bruco, verme; 2. briga, grattacapo, disputa: pse a bega, prendersi la briga; cant ina bega, piantare una grana.
beg (Pairola) p.p. e agg. bacato, della frutta e della verdura attaccate dai vermi; fig. esse begu in tu servellu, ragionare o comportarsi in maniera inconsulta.
agg. bigotto, bacchettone.
f. bellezza; che belessa!, esclamazione di contentezza.
m. stupido: stu beliga de Mich, quello stupido di Michele.
m. pene, membro virile; il termine viene usato con frequenza come intercalare, esclamazione, negazione ed in senso traslato: o belin!, accidenti!; pe in belin, pe in bllu belin, no, proprio no, per niente, nient'affatto; ti nu te ne capiscci dau belin aa corda, sei ancora giovane ed inesperta della vita (se detto ad una ragazza), non te ne capisci di niente (detto a donna); in belin cu te neghe!, crepa!; il colmo della pazienza : in belin in tu c, ina pippa ai dnti e due die srae in t'ina porte.
f. 1. sciocco, persona da poco: cllu belina de to fri, quello stupido di tuo fratello; 2. escl. o belina!, accidenti!.
f. stupidaggine.
agg. stupido, minchione; u mumntu du belinun u vegnne pe ttti, capita a tutti, anche ai saggi, di commettere prima o poi una stupidaggine
accidenti!, esclamazione di stupore, di delusione, di rabbia.
f. prostituta.
1.
agg. bello: voce usata spesso nell'intercalare come rafforzativo del verbo o del concetto espresso; u l' bllu cttu, cotto; a semmu blli andaiti, siamo spacciati; pe in bllu belin, per niente, nient'affatto; 2. loc. avv. du bllu, da lungo tempo, in gran quantit: u l' du bllu ch'a nu se vemmu, da lungo tempo che non ci vediamo; u ghe n' du bllu, ce n' in gran quantit; a bllameju, alla bell'e meglio; bllu ueno, blla uena, bll'ommu, blla donna, appellativi usati per richiamare l'attenzione di una persona sconosciuta.
1.
avv. bene: bn fitu, ben fatto; 2. m. bene, affetto: vella a ghe v bn, lei gli vuole bene.
m. bonaccione, di scarso carattere e scarse capacit.
tr. benedire.
f. buffetto, spinta che si da alla biglia o alla pallina, facendo scoccare l'indice o il medio a contrasto col pollice, o viceversa.
f. sacco con una apertura centrale per portare a spalla gli agnelli morti (usato in ambiente pastorale).
f. berretto.
m. grosso fascio di fieno che, in coppia, costituiva la soma del mulo o dell'asino; per estensione il termine indica anche l'attrezzo, formato da due pezzi di legno e della corda, che tiene unito il fascio di fieno: dui berui de fn, due fasci di fieno, cfr. deber.
f. parte alta del dritto di prora della barca.
m. sanguinaccio.
m. pergola.
m. ciocca di capelli.
agg. schizzinoso.
m. biscotto; fig. bagn u bescttu, coire.
m. erpice.
figura immaginaria della tradizione popolare:
a l' a foa du Bestnte, sempre lo stesso discorso, dicesi riferito a discorso o situazione che si ripete sempre uguale, senza giungere ad una conclusione.
m. odore e sapore di selvatico; u gh' restu u bestin, ha conservato il sapore di selvatico.
agg. malaticcio, indisposto fisicamente.
m. bisogno.
m. 1. occhialone (pesce); 2. fig. tonto.
f. 1. barca a fondo piatto; 2. osteria di poco conto.
m. 1. belato; 2. ruscello, piccolo canale; cfr. bea.
intr. piagnucolare.
f. bambino piagnucoloso, sin. beagnna.
tr. bere; bevisela rifl. bersela, credere ad una fandonia.
bija (Chiappa) f. biglia, pallina.
f. biada.
m. tacchino.
1.
f. budello, tratto di interiora; 2. pl. belle, budella, interiora; 3. m. bellu, vicolo stretto fra le case: u bellu d'Arascce, il budello d'Alassio.
bijettu (Chiappa) m. biglietto, cartamoneta.
m. bigo, braccio del verricello della nave.
f. benda, fasciatura.
m. gemello.
agg. furbo, astuto.
m. biroccio, carro leggero a due ruote.
f. biscia; biscca da fn, cfr. urbetllu.
f. tartaruga terragnola.
biscura (Chiappa) f. 1. mestolo con manico verticale usato nel frantoio per attingere olio dalle giare; 2. piccolo contenitore, bussola; cfr. bscua.
biscuretta (Chiappa) f. salvadanaio, bussoletta per conservare il denaro.
f. bottega.
m. burro.
f. spiffero, corrente d'aria.
loc. aa blmme, alla carlona.
agg. blu.
1.
m. aiutante del muratore; 2. f. boccia da gioco.
agg. buono, gustoso, appetibile, bello, capace, utile; un termine di uso molto comune ed esteso come in it; sta bagnna a l' propu bona, questo sugo veramente buono; esse bon a f de tttu, essere capace a fare di tutto; u nu l' bon a ninte, non capace a far niente, non serve a niente; cusc u l' in bon travaj, cos un buon lavorare; a bon pattu, a prezzo conveniente; esse aa bona, essere persona semplice e disponibile; aveghe bon, godere di certi privilegi; a l' bona, un bel pezzo di ragazza; boni!, basta!.
forma di saluto molto diffusa;
bon gurnu, bona seia, bona ntte Mich, buon giorno, buona sera, buona notte Michele; questa forma veniva usata solo verso persone di comune estrazione, mentre verso quelle di pi alta condizione si usa il pi rispettoso felice gurnu, felice seia, felice ntte sc tale, felice giorno, felice sera, felice notte signor tale.
f. levatrice.
f. buonanima; forma usata solo se si parlava di persone di comune estrazione, per quelle di pi alta condizione si usava il pi rispettoso felice memoia.
f. mancia.
f. bordura, siepe.
m. biancospino (solo quello che ha le bacche rosse a mazzi); cfr. arbscu.
f. 1. urto, botto; 2. fucilata; 3. fig. daghe ina botta, far presto.
m. 1. colpo, botto, scoppio; 2. biglia di vetro che serviva per giocare quando erano ancora usuali quelle in terracotta; 3. rimbalzo; 4. fig. p a balla au bottu, approfittare dell'occasione.
m. bue.
1.
tr. buttare, gettare; a l' bttu a rumnta, ho buttato la spazzatura; 2. intr. germogliare: u prsegu u l' bttu, il pesco ha germogliato.
m. germoglio.
m. tipo poco affidabile.
m. 1. persona che indossa pantaloni troppo larghi; fig. confusionario e inconcludente.
f. pl. pantaloni, calzoni; loc. esse in brghe de tea, essere senza risorse; esse in brghe molle, essere poco energico; esse dui c in t'in p de brghe, essere molto affiatati; case e brghe, cedere, sottomettersi; fsela in te brghe, provare spavento; purt e brghe, comandare; fse p cu e brghe in man, farsi cogliere sul fatto; dim. braghette, mutande femminili.
m. chi agisce in pubblico in modo da dare ad intendere di essere molto ricco o di avere grandi mezzi, o che comunque si vanta molto.
tr. acchiappare, afferrare.
f. manciata.
1.
tr. abbracciare, cfr. abrass; 2. f. fastello (d'erba o d'altro) delle dimensioni tali da poterlo trasportare sottobraccio: ina brass de fn, un fastello di fieno.
m. braccio; pl. f. brasse, braccia.
agg. 1. bravo, capace; 2. buono, di animo generoso.
f. 1. fondo del caff; 2. sporcizia dovuta al deposito lasciato da liquidi o da fumi; 3. fig. difficolt, pasticci: a semmu in ta bratta fina ai ggi, siamo in grosse difficolt, siamo nei pasticci.
f. brace.
f. briga, impegno fastidioso.
intr. intrigare, bregare, trafficare; tantu u l' bregu ch'u gh' rusciu, ha brigato tanto che c' riuscito.
agg. litigioso, attaccabrighe.
m. 1. crusca: largu au brennu strentu aa faina, lett. abbonda con la crusca ma sii prudente con la farina, fig. tratta ogni cosa a seconda della sua importanza; 2. lentiggini.
solo nella
loc. avv. a bretu; 1. in abbondanza: u ghe n' a bretu (de auive, de l'ga, ...), c' n' in abbondanza (di olive, d'uva, ...); 2. disordinatamente, alla rinfusa, a caso, cos come viene: i van a bretu cumme e pegue, procedono disordinatamente come le pecore; a bretu cumme e scaie da maina, ammucchiati alla rinfusa come i ciottoli del mare: a bretu cumme e bastunae, a caso come le bastonate; 3. di scarso valore, di scarso affidamento: gnte a bretu, gente poco affidabile.
m. 1. fiammifero; 2. persona vivace: u l' in brichettu, un tipo vivace.
m. monte, colle.
m. beccuccio; cfr. briguellu.
f. pl. variet di fichi che matura all'inizio di settembre; anche brigasotte e brxasotte.
f. susino, susina.
m. 1. beccuccio; accrescitivo di briguin; 2. pene, ma soltanto riferito ai bambini.
f. briglia.
cfr. abriv.
m. rimprovero, rimbrotto.
m. brodo.
f. chiodino, brocchetta per scarpe; fig. batte e bruchette, aver freddo.
f. pustoletta, brufolo.
f. variet di uva usata per mettere sotto spirito.
m. miscuglio di cibo che si getta in mare per attirare i pesci.
f. fronda o ramoscello reciso nella potatura dell'ulivo.
tr. potare gli ulivi.
intr. brontolare.
f. fetta di pane insaporita con olio (in origine anche aceto), strofinata con aglio e abbrustolita.
m. attrezzo per tostare il caff a mano.
m. ricotta di latte di capra di sapore e odore molto forti; lite de vacca, furmaggu de pega e brussu de crva, latte di mucca, formaggio di pecora e brussu di capra.
m. ramoscello, fronda (in particolare dell'ulivo).
m. erica.
agg. si dice del vino un po' aspro.
tr. sporcare, lordare.
agg. 1. brutto: a l' c brtta ch'a famme, pi brutta della fame; 2. sporco: sta robba a l' brtta de pumata, questo vestito sporco di pomodoro; brttu cumme u c da paella, sporco come il fondo della padella.
f. pettine ftto.
f. malattia della pianta del pomodoro.
tr. bruciare: legnne da brx, legna da ardere; brx pa freve, scottare per la febbre; fig. u ghe brxa u c, ha una gran fretta.
f. bruciatura, scottatura.
m. bruciore; brx de stmegu, acidit di stomaco.
f. barattolo di latta.
arc. f. particolare tipo di lanterna, formata da una gabbia di ferro fissata in cima ad un manico, usata per la raccolta notturna delle lumache; la fiamma veniva alimentata con resina di pino.
f. bocca; voc. di uso generale come in it.
1.
f. boccata; 2. m. boccale.
m. pallino del gioco delle bocce.
m. 1. boccone: in buccun de pan, un boccone di pane; 2. esca per pescare; 3. fig. u buccun du prve, la parte pi prelibata di una pietanza (un tempo era rappresentato dal codrione del pollo).
m. lumaca.
m. grosso sasso.
f. sassata.
f. 1. boccone; 2. spuntino veloce.
arc. f. 1. pacchetto di tabacco; 2. mortaretto: un tempo i mortaretti costituivano un'attrazione nelle feste popolari.
m. scanalatura per unire due assi, incastro.
f. panino dalla forma simile o quelli oggi detti libretti.
m. folata di vento.
f. boga (pesce).
1.
tr. muovere, smuovere; 2. bugse rifl. muoversi, spicciarsi: bugamuse in pocu, spicciamoci.
m. uccellino; u p in buissu, mingherlino come un uccellino.
buglacca (Chiappa) f. impasto liquido di malta di calce.
tr. e intr. 1. bollire; 2. fermentazione; 3. a buje, loc.che denota una situazione di fermento (sia evidente che nascosto), di imminente evoluzione, di impaziente attesa.
bugl (Chiappa) m. secchio da lavoro.
buglu (Chiappa) m. bollore.
m. sciame: buiun de ve, sciame di api.
1.
f. gruppo, quantit non definita (ma non grande): ina bul de c amgiae, una manciata di case addossate l'una all'altra; 2. tr. battere violentemente sull'acqua con un apposito attrezzo per spaventare i pesci che scappando disordinatamente finiscono nei tremagli.
m. secchio per la tinta; dim. bulachin, secchiello con coperchio e manico, gavetta.
rifl. tuffarsi; buliteghe!, muoviti! buttatici!
m. lenza morta a pi ami.
m. lieve increspatura del mare.
m. omosessuale.
bulicugle (Chiappa) m. sempliciotto, noioso; rimane invariato al f. e al pl.
m. 1. bollo; 2. loc. bullu de cicculata, tavoletta di cioccolato.
f. bonaccia, calma di mare; bunassa cippa, calma assoluta di mare.
f. bambagia.
m. stoppino per lume a olio o a petrolio.
f. sponda, ciglio a valle della fascia, di un dirupo, della strada, ecc.
m. budino.
f. borragine.
m. bordato o bordatino, stoffa ordinaria di cotone impiegata soprattutto per confezionare indumenti da lavoro.
m. 1. chiasso, baccano, confusione; 2. bordello, casa di malaffare; 3. gran quantit: u ghe n' in burdellu, ce n' una gran quantit.
agg. chiassoso.
intr. bordeggiare.
m. 1. roveto, luogo invaso da rovi; 2. fig. affare intricato, questione intricata.
agg. non affilato, non tagliente.
f. borgata.
f. burrasca.
f. tipico piatto a base di pesce e verdura in umido; caratteristico quello a base di stoccafisso e patate.
m. ecchimosi da contusione, borio, ammaccatura.
tr. 1. sgrossare un pezzo di legno; 2. rincorrere, dare la caccia; 3. buscare, prendere botte, buscarle: i l'an buscae de santa raxun, hanno preso un sacco di botte.
m. bozzello, carucola.
tr. 1. rimuovere con le mani, trafficare: cose ti busticchi?, a cosa stai trafficando?; 2. stuzzicare; 3. busticse rifl., spicciarsi, muoversi con prontezza; 4. loc. gia e busticca, gira e rigira.
agg. acerbo; vin buu, vino acerbo; fig. testa bussa, ragazzaccio.
f. bottarga, ovari di pesce (tonno) compressi, confezionati in pani e salati.
intr. 1. saltellare, rimbalzare; 2. brontolare, borbottare.
butija (Chiappa) f. bottiglia; accr. butun m. bottiglione.
m. bottaio.
f. botte.
m. saltello.
f. bugia, falsit, maldicenza.
f. 1. bugia; 2. tipico dolce carnevalesco; 3. candeliere basso.
m. 1. rana pescatrice; 2. trippone.
f. bucato.
arc. f. 1. rudimentale ciucciotto formato avvolgendo a sacchetto un po' di zucchero in una pezzuola bianca legata strettamente; 2. bambolina di pezza; cfr. bgatta.
arc. f. bambola di pezza realizzata in maniera rudimentale, semplicemente avvolgendo un po' di segatura in un pezzo di stoffa legata strettamente, per formare il capo, mentre i lembi della pezza formano il vestito della bambola.
f. 1. scaglia, scheggia (di legno o altro); 2. qualcosa di molto piccolo: a l' ina bsca in t'in ggu, ho qualcosa in un occhio; 3. piccolissima quantit: u ghe n'ea gstu ina bsca, ce n'era una piccola quantit.
bscaglia (Chiappa) f. scheggia di legno, truciolo.
m. bosso.
bscura (Chiappa) f. bussola, salvadanaio; cfr. biscua, biscuetta.
m. cespuglio, bosco.


Torna ai contenuti | Torna al menu